Memorie in diretta: un archivio per i documenti delle proteste in Nord Africa

La memoria dei documenti: come preservare le testimonianze pubblicate su internet che raccontano in tempo reale gli avvenimenti? Come segnala Readwirteweb, Brian Whitaker, giornalista del Guardian e fondatore di al-Bab (uno spazio online dedicato soprattutto al mondo arabo e al Medio Oriente) sta raccogliendo i contributi emersi durante le proteste in Nord Africa, a partire dalla “macchina del tempo” di internet: “The Wayback Machine” è un archivio accessibile online dove si possono cercare le copie delle pagine web pubblicate dalla seconda metà degli anni Novanta. Mostra, per esempio, la prima pagina disegnata di Google, con le lettere piuttosto squadrate. Oppure, è stato utilizzato da un blogger per scovare un vecchio saggio di Julian Assange, fondatore di Wikileaks, dove descriveva la “computer conspiracy”. La Biblioteca nazionale inglese (British Library) ha deciso di archiviare anche i suoi messaggi inviati nei social network, come Facebook e twitter.

(image credits: al-bab)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: