Ai Weiwei: mobilitazione globale per l’artista cinese

La prima volta che Ai Weiwei ha raggiunto un vasto pubblico su internet oltre i confini della Grande Muraglia cinese è stato dopo il terremoto in Sichuan: a pochi giorni dal disastro è arrivato nella provincia devastata dal sisma per indagare sui soccorsi e sulle opere di ricostruzione. E ha raccontato su twitter la sua attività di inchiesta giornalistica. Regista, designer, blogger e scrittore, ha esposto alla Tate Gallery di Londra: un video mostra la sua opera, “Semi di girasole”, dove un mantello di semi in ceramica ricopre la superficie calpestata dai visitatori. Più volte si è scontrato con le maglie della censura. Da quasi due mesi Ai Weiwei è detenuto in Cina: è stato arrestato poco prima di partire per Hong Kong. È in corso una campagna internazionale di appelli rivolti a Pechino. Di recente la moglie, Gao Ying, ha ottenuto il permesso di visitarlo.

La pagina di Aiweiwei su YouTube

Il Blog

Gli articoli di Repubblica, Corriere della Sera, Sole24Ore, Cnn.

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: