Mobilitazione online contro la delibera Agcom

Dal sei luglio i contenuti audiovisivi che violano le norme sul copyright potranno essere rimossi in via diretta, senza alcun filtro dell’autorità giudiziaria: verrà diffusa una delibera dell’Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) che, secondo le previsioni, farà scattare un meccanismo semiautomatico. Sarà sufficiente, infatti, una segnalazione del titolare dei diritti d’autore alla società che gestisce l’accesso a internet (isp). E, se l’avviso verrà ritenuto fondato, i contenuti saranno resi inaccessibili dall’isp.
Da mesi è scattata la mobilitazione online. I primi appelli sono iniziati lo scorso febbraio. A marzo l’Agcom ha aperto un tavolo di discussione per elaborare una bozza del provvedimento. Presto le associazioni per difendere la libertà di espressione online, come Agorà Digitale, hanno intensificato la loro attività di protesta. A giugno durante la presentazione della relazione annuale dell’Agcom è stato presentato il “Libro Bianco su copyright e tutela dei diritti fondamentali sulla rete internet”.

Leggi anche:
6 luglio, muore il Web italiano (L’Espresso)
Popolo della rete contro AgCom: tra luddismo e censura (Il Sole 24 Ore)
No alla censura su Internet. Agorà Digitale lancia un appello alla mobilitazione del Web (La Stampa)
Pena di morte digitale (Lettera43)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: