#ioricordo, un tag per collegare le memorie

Il G8 di Genova e la strage di Bologna: di recente in due occasioni è apparso nei social network e nei blog il tag #ioricordo, utilizzato per condividere memorie personali e documenti collegati alla storia recente italiana. E di fatto è diventato un percorso, un filo conduttore che unisce tante persone: i testimoni, chi in quel periodo ha seguito le notizie ma era lontano, e chi non era presente allora, eppure crede che abbia valore conservare la memoria. Il tag apre un sentiero trasversale attraverso i social network (come twitter e Frindfeed), e aiuta a trovare i post dei blog.
In lingua inglese non sono pochi gli esempi di tag che indicano il valore civico di alcuni documenti condivisi online. La redazione di giornalismo investigativo di Propublica utilizza #muckreads per evidenziare articoli, reportage, inchieste che meritano una lettura: è una parola ispirata ai “muckrakers”, un gruppo di reporter che tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento ha scavato nel fango (muck) delle prime metropoli degli Stati Uniti. In Gran Bretagna prende quota il giornalismo “long form”: riguarda articoli più brevi di un libro, ma molto più lunghi di un reportage. Il quotidiano Guardian ha iniziato la pubblicazione di alcuni ebook dedicati agli approfondimenti giornalistici, a partire dallo scandalo che ha coinvolto da poco Rupert Murdoch e la sua News Corp.

(image credits: propublica)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: