Gheddafi, #15ottobre, migrazioni: le mappe della settimana

Come è morto Gheddafi. Un racconto per immagini del National Post.

Popolazioni. Un’installazione di Laura Kurgan dello Spatial design lab per visualizzare le migrazioni internazionali. Qui un altro progetto collegato con i messaggi di checkin nel social network Foursquare: segnalano l’ingresso di una persona in un luogo.

Ricostruzioni tridimensionali. Un’analisi del Centro Studi di Etnografia digitale delle proteste di sabato 15 ottobre a partire dalle conversazioni sui social network: propone una visualizzazione attraverso un video e su una mappa delle comunicazioni in tempo reale attraverso le reti sociali online. Dieci anni fa a Genova le telecamere amatoriali e degli operatori professionisti hanno ripreso cosa stava accadendo: nelle ultime manifestazioni chiunque abbia un cellulare può raccontare su internet e in diretta gli eventi di cui è testimone.

Microgeografie. Le proteste di Occupy Wall Street prendono forma: un’infografica dell’Associated Press.

Shadow inventory. Una mappa del Miami Herald.

Quando il reddito aumenta, chi guadagna? Un’infografica sulla “workign america” dell’Economic policy institute.

Wikipedia. Le connessioni viste in una “cluster ball”.

(image credits: Csed)

Una Risposta to “Gheddafi, #15ottobre, migrazioni: le mappe della settimana”

  1. Gheddafi, #15ottobre, migrazioni: le mappe della settimana – Wavu « Totoromano's Blog Says:

    […] (image credits: Csed. fonte: webcartografie) […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: