Blogger a caccia di bufale (su internet)

Domenica scorsa sul web circola la notizia della morte di Paolo Villaggio: la fonte viene indicata nell’agenzia di stampa Ansa. È una bufala, ma non facile da smascherare a prima vista. Fabio Chiusi sul suo blog mostra un’ipotesi di come è stato possibile modificare la notizia in modo tale che apparisse su Facebook come pubblicata dall’Ansa.
Sempre domenica, il Fatto Quotidiano ha segnalato il bollino del metodo di Fondazione Ahref: “In rete circola tanta informazione, ma spesso è inquinata da bufale, distorsioni ideologiche, inesattezze nei dati, mancata citazione delle fonti, circoli viziosi di notizie non verficate che di link in link si gonfiano nei risultati di Google, fino ad assomigliare pericolosamente a verità rivelate. Da qui l’idea di un codice di condotta basato su accuratezza dell’informazione, imparzialità nella lettura dei fatti, indipendenza da interessi nascosti, legalità”, scrive Mario Portanova. È un punto di partenza. Lsdi indica un post del Giornalaio sulla ricerca di un decalogo a partire “dalla base offerta da Timu”.

(image credits: Fatto Quotidiano)

Annunci

Una Risposta to “Blogger a caccia di bufale (su internet)”

  1. Condivisione, Fiducia & Responsabilità | Il Giornalaio Says:

    […] state manifestate su Facebook e da parte degli amici di LSDI ed anche di chi ne ha fatto propria la visione […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: