I cambiamenti nel giornalismo online secondo Mashable

Cosa è cambiato nel giornalismo durante il 2011? Se lo chiede Mashable, un punto di riferimento per capire l’evoluzione nella pratica degli strumenti per i racconti online. In particolare, segnala alcune applicazioni e fallimenti dell’ultimo anno. News.me era partito con l’idea di riunire articoli dai principali quotidiani, ma non ha trovato finora pubblico: a richiamare l’attenzione sono stati altri due rivali come Flipboard (limitato, però, a iPhone e iPad) e Pulse. Aiutano a semplificare la navigazione delle persone tra un’ondata di informazioni che arriva da fonti molteplici, come i social network. Non poteva mancare Andy Carvin, conduttore radiofonico che è attraverso twitter ha assistito alle proteste in Nordafrica e poi ha preso un aereo per arrivare in Libia e partecipare agli ultimi giorni del regime di Gheddafi. Ha fatto scuola: in Italia una giornalista di Radio Popolare, Marina Petrillo, ha seguito con i suoi ascoltatori gli eventi in Egitto e in altre nazioni africane: è stata segnalata dall’Independent come “voce indipendente” nella categoria “world news”. Durante la fine dell’anno riflettori puntati su Occupy Wall Street, un laboratorio nell’uso creativo dei media digitali.

(image credits: Independent)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: