Posts Tagged ‘twitter’

Twitter e la parodia di Sucate

maggio 24, 2011

Su twitter arriva una richiesta di informazioni allo staff che segue la comunicazione sui social media di Letizia Moratti, candidato sindaco di Milano per il centrodestra. Ecco il messaggio: “@letiziamoratti il quartiere Sucate dice no alla moschea abusiva in via Giandomenico Puppa!! Sindaco rispondi! #mirispondi #sucate”.”. E la risposta arriva: “@orghl nessuna tolleranza per le moschee abusive. I luoghi di culto si potranno realizzare secondo le regole previste dal nuovo Pgt ”, come racconta il blog Wittgenstein di Luca Sofri.

Ma Sucate non esiste. Era uno scherzo. E inizia il dibattito su internet. Che diventa presto un passaparola, a partire da altri social network come Friendfeed. Fino a costruire un luogo immaginario su internet. In poco tempo si moltiplicano i messaggi: per esempio, il Post cita: “bynight.it la guida completa per vivere bene a #sucate”, “Ich bin ein sucater”, “Devo trasferirmi a #sucate (Milano) dicono sia stupendo, Moschee a parte!”.

Scattano i remix creativi, come un video su YouTube, una finta guida Lonely Planet, l’immagine di un cartello stradale. Su twitter il gioco continua in tempo reale, anche se con minore partecipazione rispetto a ieri.

Annunci

Andy Carvin e il giornalismo collaborativo su twitter

aprile 10, 2011

“Coloro che seguono Carvin su twitter sono il motore alla base della sua attivita’ di reporting. Lo aiutano a tradurre, triangolare, e tracciare le informazioni. Abilitano notevoli atti di verifica attraverso il crowdsourcing, come quando hanno aiutato Carvin a smascherare le notizie sulle munizioni israeliane in Libia. (…). Sono persone che (Carvin, ndr) ha imparato a rispettare e ammirare, ma deve sempre ricordare a se stesso di controllare e mettere in discussione cio’ che e’ stato detto” (via Columbia Journlism Review). Andy Carvin e’ un reporter dell’emittente radiofonica Npr: durante le proteste in Medio Oriente ha raccolto le segnalazioni arrivate su twitter attraverso link, commenti e testimonianze. Ma ha abilitato un processo di verifica e ricostruzione del contesto a partire dalla collaborazione con gli altri iscritti al social network. Sono i primi passi per iniziare a discutere della qualita’ del citizen journalism. Il titolo dell’articolo nella Cjr su Carvin e’: “E’ il miglior account al mondo su twitter?”.